Oggi più che mai la pratica di consapevolezza sembra in grado di intervenire con successo nel trattamento dei disturbi dell’umore. Come suggerisce la ricerca, la Mindfulness può portare a cambiamenti nel cervello dei pazienti, migliorando la connettività tra alcune aree del cervello e cambiando la densità dei tessuti in regioni chiave.

 

Mindfulness e disturbi dell'umore

 

Autoriferimento esperienziale e autoriferimento narrativo

Come spiega il neuroscienziato dell’Università di Toronto, Norman Farb , PhD, che ha studiato il cervello di meditatori esperti usando la risonanza magnetica funzionale fMRI (Social Cognitive and Affective Neuroscience, 2007), le prove indicano che quando le persone prestano attenzione al momento presente (autoriferimento esperienziale) usano un diverso insieme di percorsi neurali di quando si dedicano all’autoriferimento narrativo per pensare alle esperienze nel tempo.

La terapia cognitiva basata sulla consapevolezza incoraggia le persone con disturbi dell’umore a prestare attenzione alle sensazioni e ai sentimenti piuttosto che ai pensieri valutativi. Questo a sua volta esercita e rafforza i percorsi coinvolti nell’auto-referenza esperienziale. Mindfulness e disturbi dell’umore sembrano così essere antagonisti.

“La consapevolezza cambia il cervello consentendo alle persone di accedere a questo percorso presente”, dice Zindel Segal, PhD, professore all’Università di Toronto. “Questo è di vitale importanza per lavorare con stati d’animo di tristezza”.

Se i pazienti non hanno avuto un allenamento di consapevolezza, aggiunge Segal, essi attivano continuamente i loro percorsi per l’auto-riferimento narrativo e il controllo esecutivo e il loro percorso presente si indebolirà.

 

Pratica formale e pratica informale

I ricercatori stanno esplorando come la capacità di vivere nel momento possa persistere oltre le sessioni di pratica di consapevolezza. Uno studio di Veronique Taylor e colleghi dell’Università di Montreal che ha utilizzato la fMRI per confrontare meditatori esperti con meditatori principianti ha scoperto che, anche in uno stato di riposo, il primo aveva meno attività tra le aree del cervello coinvolte in pensieri autoreferenziali (Social cognitive e Affective Neuroscience, 2013).

La pratica formale, quella che organizziamo di giorno in giorno nella nostra vita, permette di accedere ad una pratica informale. Continuando a meditare ogni giorno, il nostro cervello si riorganizza permettendoci di mantenere lo stesso stato meditativo anche nei tanti diversi momenti di ogni giorno.

 

Mindfulness e disturbi dell’umore, come cambia il cervello

La consapevolezza può persino modificare la densità del tessuto in alcune regioni. La neuroscienziata dell’università di Harvard, Sara Lazar, PhD, e colleghi, ha analizzato la risonanza magnetica di 16 partecipanti che non avevano mai meditato, quindi li ha scansionati di nuovo dopo che avevano partecipato a un programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza di otto settimane. I ricercatori hanno scoperto che la densità della materia grigia dei partecipanti si è ridotta nell’amigdala e che il cambiamento era correlato alla diminuzione dello stress. L’amigdala è anche implicata nei disturbi d’ansia. Questo può essere un modo in cui la consapevolezza aiuta ad alleviare ansia, stress e depressione.

Un’ulteriore analisi dello stesso gruppo di partecipanti ha mostrato che avevano anche un aumento della densità in altre due aree del cervello: la corteccia cingolata posteriore, che è correlata all’attenzione sostenuta, e l’ippocampo sinistro, che può contribuire alla regolazione delle emozioni (Ricerca Psichiatrica: Neuroimaging, 2011). Inoltre, i ricercatori hanno visto cambiamenti nelle aree del tronco cerebrale potenzialmente correlate alla produzione di serotonina – alterazioni che erano positivamente correlate con gli aspetti auto-riportati del benessere psicologico (Frontiers of Human Neuroscience, 2014).

I cambiamenti neurali provocati dalla consapevolezza sembrano seguire le regole di base della neuroplasticità, dice Lazar.

Se pratichi qualcosa di nuovo, otterrai una migliore connettività nelle strutture neurali“, spiega. “Ciò può significare un aumento del numero di sinapsi o cambiamenti nel rilascio di neurotrasmettitori che promuovono un aumento della funzione“.

Tuttavia, Lazar avverte che la consapevolezza non è una soluzione rapida. I cambiamenti neurologici che ne derivano potrebbero essere temporanei e quindi richiedere una pratica continua.

La meditazione è uno stile di vita“, dice.

 

Tratto da APA