Schizofrenia

La schizofrenia è un disturbo mentale cronico particolarmente grave che colpisce il modo in cui una persona pensa, sente e si comporta. Le persone con schizofrenia possono sembrare a volte completamente distaccate dalla realtà. I sintomi della schizofrenia possono essere molto invalidanti. É un disturbo mentale che di solito compare nella tarda adolescenza o nella prima età adulta. Caratterizzato da deliri, allucinazioni e altre difficoltà cognitive, la schizofrenia può spesso rappresentare una vera e propria lotta per tutta la vita.

schizofrenia - dr. Enrico Gamba

Cos’è la schizofrenia?

La schizofrenia colpisce più frequentemente tra i 16 e i 30 anni. I maschi tendono a mostrare sintomi a un’età leggermente inferiore delle femmine. In molti casi il disturbo si sviluppa così lentamente che l’individuo non sa di averlo avuto per molti anni. Tuttavia, in altri casi, può colpire improvvisamente e svilupparsi rapidamente.
La schizofrenia colpisce circa l’1% di tutti gli adulti, a livello globale.

I sintomi della schizofrenia

La schizofrenia può causare principalmente allucinazioni e deliri. Si tratta in genere di un più o meno marcato distacco dalla realtà. Per questo motivo una percentuale considerevole di persone affette da schizofrenia deve fare affidamento sugli altri. La maggior parte delle persone che soffrono di questo disturbo non sono in fatti in grado di mantenere un lavoro o prendersi cura di se stesse.

Alcuni pazienti possono presentare sintomi chiari, in altre occasioni tali sintomi possono essere maggiormente nascosti.
Gli effetti della schizofrenia coinvolgono generalmente famiglie, amici e la società più in generale.

I sintomi e i segni della schizofrenia variano a seconda dell’individuo.

I sintomi sono classificati in quattro categorie:

  1. Sintomi positivi – noti anche come sintomi psicotici. Ad esempio, deliri e allucinazioni.
  2. Sintomi negativi: si riferiscono a elementi che vengono sottratti all’individuo. Ad esempio, assenza di espressioni facciali o mancanza di motivazione.
  3. Sintomi cognitivi: questi influenzano i processi mentali della persona. Possono essere sintomi positivi o negativi, ad esempio, una scarsa concentrazione è un sintomo negativo.
  4. Sintomi emotivi – questi sono in genere sintomi negativi, come le emozioni smussate o anaffettività.

I principali sintomi della Schizofrenia

  • Deliri – il paziente mostra false credenze che possono assumere molte forme, come deliri di persecuzione o deliri di grandezza. Possono sentire che gli altri stanno tentando di controllarli da remoto. Oppure, potrebbero pensare di avere poteri e abilità straordinarie.
  • Allucinazioni – sentire le voci è molto più comune di vedere, sentire, assaggiare o odorare cose che non ci sono, tuttavia, le persone con schizofrenia possono sperimentare una vasta gamma di allucinazioni.
  • Disturbo del pensiero – la persona può saltare da un soggetto all’altro senza motivo logico. Per chi ascolta potrebbe essere difficile seguire o comprendere quanto viene detto dalla persona che soffre della malattia.

Altri sintomi possono includere:

  • Mancanza di motivazione
  • Scarsa espressione di emozioni
  • Ritiro sociale
  • Mancanza di coscienza della malattia
  • Difficoltà cognitive

Sintomi negli adolescenti che soffrono di schizofrenia

I sintomi della schizofrenia negli adolescenti sono simili a quelli negli adulti, ma la condizione può essere più difficile da riconoscere. Questo può essere in parte dovuto al fatto che alcuni dei primi sintomi della schizofrenia negli adolescenti sono comuni per lo sviluppo tipico durante gli anni dell’adolescenza, come ad esempio:

  • Ritiro da amici e familiari
  • Un calo delle prestazioni a scuola
  • Problemi di sonno
  • Irritabilità o umore depresso
  • Mancanza di motivazione

Rispetto ai sintomi della schizofrenia negli adulti, gli adolescenti possono avere meno probabilità di avere deliri e maggiore probabilità di incorrere in allucinazioni visive.

Quali sono le cause della schizofrenia?

Si ritiene che siano diversi i fattori coinvolti nell’insorgere della schizofrenia. Attualmente è ancora aperto il dibattito sulla classificazione stessa della malattia.

L’evidenza suggerisce che i fattori genetici e ambientali agiscono insieme. La patologia sembra avere un elemento ereditario, ma anche fattori scatenanti ambientali sembrano influenzare il processo in modo significativo.

Alcuni fattori che si ritiene contribuiscano all’insorgere della schizofrenia sono:

  • Eredità genetica – Se non c’è una storia di schizofrenia in famiglia, le probabilità di svilupparla sono inferiori all’1%. Tuttavia, tale rischio sale al 10% se la patologia viene diagnosticata a un genitore.
  • Squilibrio chimico nel cervello – Si ritiene che uno squilibrio della dopamina sia coinvolto nell’insorgenza della schizofrenia. Possono essere coinvolti anche altri neurotrasmettitori come la serotonina.
  • Relazioni familiari – Non ci sono prove per dimostrare o addirittura indicare che le relazioni familiari potrebbero causare la schizofrenia, tuttavia, alcuni pazienti con la malattia ritengono che la tensione familiare scateni le ricadute.
  • Fattori di rischio – Ci sono diversi fattori che contribuiscono al rischio di sviluppare la schizofrenia.

Si ritiene che molti geni diversi possano aumentare il rischio di schizofrenia, ma che nessun singolo gene causi il disturbo da solo. Non è ancora possibile utilizzare le informazioni genetiche per prevedere chi svilupperà la schizofrenia.

Fattori ambientali

Si pensa anche che le interazioni tra geni e aspetti dell’ambiente individuale siano necessarie per lo sviluppo della schizofrenia. I fattori ambientali possono coinvolgere:

  • Esposizione ai virus
  • Malnutrizione prima della nascita
  • Problemi durante la nascita
  • Fattori psicosociali
  • Chimica e struttura del cervello diverse: si ritiene che uno squilibrio nelle complesse e interrelate reazioni chimiche del cervello che coinvolgono i neurotrasmettitori (sostanze che le cellule cerebrali usano per comunicare tra loro), dopamina e glutammato, e possibilmente altre, abbia un ruolo nella schizofrenia.

Alcuni pensano anche che problemi durante lo sviluppo del cervello prima della nascita possono portare a connessioni “difettose”. Il cervello subisce anche grandi cambiamenti durante la pubertà, e questi cambiamenti potrebbero innescare sintomi psicotici in persone che sono vulnerabili a causa di differenze genetiche o cerebrali.

Sebbene non vi siano prove certe, molti traumi sospetti prima della nascita e infezioni virali possono contribuire allo sviluppo della malattia.
Esperienze stressanti precedono spesso l’emergere della schizofrenia. Prima che tutti i sintomi acuti siano evidenti, le persone con schizofrenia abitualmente diventano di cattivo umore e ansiose. Questo può innescare alle volte gravi problemi di relazione nei vari ambiti di vita.
Questi fattori sono spesso attribuiti all’insorgenza della malattia, quando in realtà era il contrario: la malattia ha causato la crisi. Pertanto, è estremamente difficile sapere se la schizofrenia ha causato determinati stress o si è verificata a causa di loro.

Trattamenti per la schizofrenia

In genere il trattamento principale per la schizofrenia è un insieme di farmacoterapia e psicoterapia.

I farmaci anti-psicotici hanno trasformato il trattamento della schizofrenia. Grazie a loro la maggior parte dei pazienti è in grado di vivere nella comunità.

Purtroppo, l’aderenza al regime terapeutico è spesso un grosso problema. Le persone con schizofrenia spesso escono dal piano terapeutico per lunghi periodi durante la loro vita, con enormi costi per se stessi e spesso per coloro che li circondano.

Il paziente deve continuare ad assumere farmaci anche quando i sintomi sono scomparsi. Altrimenti torneranno.
La prima volta che una persona sperimenta sintomi di schizofrenia, può essere molto spiacevole. Potrebbe volerci molto tempo per recuperare e quella ripresa può essere un’esperienza solitaria. È fondamentale che una persona convive con la schizofrenia riceva il pieno sostegno della famiglia, degli amici e dei servizi della comunità quando l’esordio compare per la prima volta.

In ogni caso per ciascuno è diverso. Alcuni reagiscono molto meglio al trattamento di altri, riuscendo a riprendere pienamente in mano la propria vita.

I diversi tipi di interventi

Dopo che i sintomi della schizofrenia sono stati confermati, vari tipi di terapia possono continuare ad aiutare le persone a gestire la malattia e migliorare la propria vita. La terapia e i supporti possono aiutare le persone ad apprendere abilità sociali, affrontare lo stress, identificare i primi segni premonitori di recidiva e prolungare i periodi di remissione.

Poiché la schizofrenia colpisce tipicamente nella prima età adulta, le persone con il disturbo spesso traggono beneficio dalla riabilitazione per aiutare a sviluppare le capacità di gestione della vita, completare la formazione professionale o educativa e mantenere un posto di lavoro.

Per molte persone che vivono con la schizofrenia, il sostegno familiare è molto importante. Per questo motivo è importante che le famiglie siano informate e sostenute.

L’ottimismo è importante e i pazienti, i familiari e i professionisti della salute mentale devono essere consapevoli che molti pazienti hanno un decorso favorevole della malattia, che spesso le sfide possono essere affrontate e che i pazienti hanno molti punti di forza personali che possono essere riconosciuti e supportati.

A volte ad esempio la sola creatività può rivelarsi come un valido aiuto per affrontare questa patologia come nel caso di Kate.

Criteri del dsm 5 per diagnosticare la schizofrenia

Il DSM 5 delinea i seguenti criteri per fare una diagnosi di schizofrenia:

Due o più dei seguenti per almeno un periodo di un mese (o più lungo) e almeno uno di essi deve essere 1, 2 o 3:

  • deliri
  • allucinazioni
  • Discorso disorganizzato
  • Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico
  • Sintomi negativi, come diminuzione dell’espressione emotiva
  1. Compromissione in una delle principali aree di funzionamento per un periodo di tempo significativo dall’insorgere del disturbo: lavoro, relazioni interpersonali o auto-cura.
  2. Alcuni segni del disturbo devono durare per un periodo continuo di almeno 6 mesi. Questo periodo di sei mesi deve includere almeno un mese di sintomi (o meno se trattati) che soddisfano il criterio A (sintomi di fase attiva) e possono includere periodi di sintomi residui. Durante i periodi residui, possono essere presenti solo sintomi negativi.
  3. Sono stati esclusi il disturbo schizoaffettivo e il disturbo bipolare o depressivo con caratteristiche psicotiche:
    • Nessun episodio depressivo o maniacale maggiore si è verificato in concomitanza con i sintomi della fase attiva.
    • Se durante la fase attiva si sono verificati episodi di umore (depressivo o maniacale), sono stati presenti per una minoranza della durata totale delle fasi attive e residue della malattia.
  4. Il disturbo non è causato dagli effetti di una sostanza o di un’altra condizione medica.
  5. Se c’è una storia di disturbo dello spettro autistico o un disturbo della comunicazione (esordio infantile), la diagnosi di schizofrenia viene fatta solo se i deliri prominenti o le allucinazioni, insieme ad altri sintomi, sono presenti per almeno un mese.

Come aiutare qualcuno che soffre di schizofrenia?

Prendersi cura e sostenere una persona cara con la schizofrenia può essere difficile. Può essere difficile sapere come rispondere a qualcuno che fa affermazioni strane o chiaramente false. È importante capire che la schizofrenia è una malattia biologica.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Convinci la persona a intraprendere un trattamento e incoraggiala a mantenerlo.
  • Convinzioni o allucinazioni sembrano molto reali per chi soffre di questa malattia, spesso è inutile cercare di convincere l’altro del contrario.
  • Riconosci che tutti hanno il diritto di vedere le cose a proprio modo facendo sentire l’altro accolto. A volte quella sensazione di essere accolti è ben più importante.
  • Sii rispettoso, solidale e gentile senza tollerare comportamenti pericolosi o inappropriati.
  • Controlla se ci sono gruppi di supporto nella tua zona. Spesso i gruppi di aiuto possono diventare un valido supporto.

Seguimi su Instagram, ogni giorno pubblico pensieri e riflessioni. Su Youtube puoi vedere ogni settimana i miei video di psicologia e crescita personale. Su iTunes puoi ascoltare i miei podcast e le mie meditazioni guidate. Iscrivendoti alla mailing list riceverai invece ogni lunedì una mail con un approfondimento su diversi temi sempre legati alla crescita e trasformazione personale.

A presto!

Enrico Gamba