Destino e Tesori Nascosti

//Destino e Tesori Nascosti

Pescatori e destino

Ciascuno di noi ha in se il potere per rendere la sua vita ciò che vorrebbe che sia, tuttavia nella maggior parte dei casi tendiamo a sederci sulle nostre abitudini e certezze. In genere è solo nei momenti di crisi che ci interroghiamo seriamente su quali cambiamenti vogliamo apportare nella nostra vita. E’ solo quando scegliamo consapevolmente di dirigere lo sguardo verso l’interno che intraprendiamo quel percorso che ci permette di raccogliere veramente le nostre energie. Gettare le reti è una metafora. Gettare le reti è come portare la nostra attenzione all’oceano che è in noi. Come diceva Jung chi non conosce l’inconscio lo chiama destino. Imparare a conoscere ciò che accade dentro di noi è il primo passo per trasformare veramente la nostra vita. Pensa a quante volte ad esempio accade qualcosa che non vorresti. Come reagisci? Alcuni ad esempio hanno sviluppato la tendenza a pensare che tutto ciò che di negativo accade loro dipende solo dalla propria incapacità o inadeguatezza. Altri invece pensano che quando accade loro qualcosa di positivo è sempre per cause esterne, in psicologia questo viene definito “locus of control”. Qual’è il tuo luogo del controllo ad esempio? Conoscere sé stessi, portare lo sguardo dentro di noi è veramente il primo passo per trasformare la nostra vita. Certo, esplorare l’oceano può far paura, ma che peccato sarebbe rinunciare a nuotare solo per questo.

foto di Enrico Gamba
By | 2017-01-19T11:23:52+00:00 settembre 5th, 2014|Crescita personale|0 Comments

About the Author:

Psicologo Milano - dr. Enrico Gamba Il dr. Enrico Gamba è psicologo Clinico, psicoterapeuta, ipnoterapeuta e formatore. www.enricogamba.org

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter
Rimani aggiornato sui prossimi appuntamenti, ricevi subito le prime dieci pagine di ONE, 365 giorni insieme, il libro del dr. Enrico Gamba.
Iscrivendoti accetti che i tuoi dati vengano conservati in conformità con l'ex art.13 D. Lgs. 196/2003
Never display this again